Rita Guarino, allenatrice della Juve Women, ha parlato subito dopo la sconfitta con il Barcellona.

RISULTATO SEVERO - "Avevamo davanti le vice campionesse d'Europa, sapevamo il valore, quello che riescono a esprimere, l'elevato tasso tecnico. Abbiamo cercato di fare la nostra partita, i nostri sviluppi. Spiace per come abbiamo preso il primo gol, portarci in condizioni di parità ci avrebbe dato più forza nella ripresa. Sono orgogliosa delle ragazze". 

DIFFERENZA - "La si vede quando gli altri hanno più padronanza del gioco, hanno avuto quasi sempre il possesso. Tecnicamente vanno orte". 

SORTEGGIO - "Chiaro che questo vale per noi e per le italiane: il fatto di avere un basso ranking non ti permette di avere partite che sulla carta possono essere più a favore. Per fare esperienze servirebbero i gironi. Tutte le squadre con ranking minore sono condannate a fare grandi imprese o a fare qualcosa di straordinario. Nelle 16 del pot2 c'è solo l'Arsenal perché ha faticato negli utimi anni. Ma si presenta fortissima". 

RITORNO - "Recuperiamo intanto, sabato c'è l'esordio in campionato. La partita di stasera ci ha portato diverse energie mentali, recuperiamo in vista del campionato. Analizziamo la partita e vediamo come affrontarla". 

ATTACCO - "A nessuna giocatrice fa piacere non giocare dall'inizio, sapevo che lì davanti la staffetta era doverosa. Giocatrici come Aluko, di esperienza e di qualità, è più utile nel finale, quando serve la giocata".