"Credetemi, Demiral non va sottostimato. Vi dico che è il nostro giocatore con più offerte sul mercato: non immaginate quante...", così Fabio Paratici ha rivelato un retroscena sul difensore arrivato alla Juventus in estate dal Sassuolo per 18 milioni di euro. Un indizio importante, che fa capire il valore di un talento di 21 anni, ma che, nel giro di appena sei mesi, è riuscito a ritagliarsi un ruolo di prestigio a livello di mercato, sia italiano che internazionale. E oggi i bianconeri non sembrano avere alcuna intenzione di cederlo: così sarà, a meno che qualche squadra si presenti con un'offerta da 40 milioni di euro per acquistare a titolo definitivo il suo cartellino. In caso contrario, Paratici non si siederà nemmeno al tavolo delle trattative per il talentuoso difensore turco.

NON PARTE - Demiral ha convinto tutti in queste prime settimane di preparazione estiva insieme alla Juventus. Le parole di Paratici spiegano molto bene quale sia la profonda stima e le aspettative del club nei suoi confronti. Maurizio Sarri, dal canto suo, è ben contento di avere a disposizione un marcatore d'area di rigore, con grande forza fisica e discreta tecnica, che possa sostituire a dovere Giorgio Chiellini se dovesse essere preda dei consueti infortuni muscolari. E' questo forse il motivo più importante per cui il turco non si muoverà da Torino: ragioni tattiche, di ruolo altrimenti "scoperto" e di qualità non indifferenti.

ERRORI E CARATTERE - E poco male se Demiral, come impone la sua età, debba ancora crescere e cancellare alcuni errori di gioventù. Come l'autorete vista ieri a Villar Perosa nell'amichevole contro la Primavera. Nel tentativo di stoppare un pericoloso pallone in area di rigore con il petto, Demiral ha spinto il pallone nella propria porta, per il momentaneo pareggio. La voglia di dimostrare il proprio valore, la garra che il turco mette sempre in campo, in ogni contrasto e in ogni giocata difensiva, hanno subito conquistato i suoi nuovi tifosi, che già lo paragonano a una bandiera come Paolo Montero. Un passo alla volta, però: Demiral resta e partirà dalla panchina, per provare a conquistare un posto da titolare nel progetto di Sarri.