L'avvio di stagione di Daniele Rugani alla Juventus è stato tutt'altro che esaltante. Arrivato per l'ennesima volta ai blocchi di partenza con le migliori aspettative, il difensore sta deludendo le attese e, con il ritorno di Leonardo Bonucci a Torino dopo una stagione da capitano del Milan, Massimiliano Allegri ha tagliato ulteriormente il suo utilizzo nella formazione bianconera. Nel frattempo, Rugani si regala qualche lezione di inglese nel tempo libero. Semplice intrattenimento culturale o indizio di mercato per un futuro lontano dall'Italia?

FANTASMA RUGANI - Andando ad analizzare il rendimento della rosa a disposizione di Allegri finora, Rugani risulta essere il terzo giocatore meno utilizzato fin qui, escludendo il terzo portiere Carlo Pinsoglio e l'infortunato Leonardo Spinazzola. Alle sua spalle soltanto Moise Kean, che però ha appena compiuto 18 anni, e Mattia Perin. Tra i giocatori di movimento sempre o quasi tra i convocati da inizio stagione, insomma, Rugani è quello meno utilizzato dal tecnico livornese. E per altro, 90 dei 181 minuti collezionati fin qui sono arrivati in modo "casuale", in seguito a un problema fisico per Giorgio Chiellini nel riscaldamento precedente la partita di campionato contro l'Empoli. A essi si aggiunge il minuto finale della partita di Champions League contro il Valencia e la presenza contro il Frosinone.

LE GERARCHIE - In nessun ruolo quanto nel reparto difensivo, Allegri ha chiarito fin da questo avvio di stagione le gerarchie in modo netto e definito. Leonardo Bonucci è intoccabile e, quando gli infortuni lo consentono, al suo fianco c'è Giorgio Chiellini, da questa stagione anche capitano bianconero. In caso di loro eventuale assenza, subentra Medhi Benatia. Il centrale marocchino ha già esposto qualche lamentela per il proprio utilizzo con il contagocce, ma, al contrario di Rugani, può già vantare 450 minuti giocati in cinque presenze da titolare. Addirittura, a precedere il classe '94 è anche Andrea Barzagli, che ha raccolto 19 minuti in più in sette spezzoni di partita fin qui.

FUTURO IN PREMIER? - Rugani, nel tempo libero con la splendida compagna Michela Persico (i suoi scatti più belli nella nostra gallery dedicata), coglie l'occasione per studiare l'inglese e scatena la fantasia dei tifosi, della Juventus e non. Le sirene provenienti dalla Premier League, d'altronde, hanno caratterizzato l'estate di mercato con il difensore protagonista. Prima è stato l'Arsenal a metterlo nel mirino, poi il Chelsea dell'accorrente Maurizio Sarri è arrivato a offrire circa 50 milioni di euro alla Juventus per portarlo in Inghilterra. In seguito alla partenza di Mattia Caldara verso il Milan, però, l'affare si è congelato.

OPZIONE RINNOVO - Ora che l'utilizzo di Rugani è crollato, però, il richiamo della Premier potrebbe tornare a farsi fortissimo. Senza dimenticare che la Juventus, però, sta studiando un accordo per il rinnovo del proprio talentuoso difensore, per allungare l'accordo oltre il 30 giugno del 2021 e alzare la quota dei 2 milioni di euro netti a stagione nelle tasche del calciatore. A patto di veder finalmente esplodere l'eterna promessa con la maglia della Juventus. Altrimenti, sarà addio.