Igli Tare, direttore sportivo della Lazio, torna a scagliarsi contro l’utilizzo del VAR in Serie A. “Ci ha tolto minimo 12 punti”, insorge il ds biancoceleste sulle pagine del Corriere dello Sport.

DOPPIO RIGORE SU IMMOBILE - "Perché due interpretazioni diverse? Quello su Immobile non è il solito rigore", spiega Tare in riferimento all'ultimo match di campionato: "E' un doppio rigore e non succede quasi mai nel calcio. Lo tocca prima un giocatore del Cagliari e poi l'altro. Lo hanno steso in due. Non so come si faccia a non vedere. Il VAR ci ha tolto tanto in classifica. Io dico minimo 12 punti. Vogliamo dire solo 6? Bene, diciamo che sono stati persi sei punti a causa di interpretazioni sbagliate e di errori dimostrati dalla tv, come il gol con il braccio di Cutrone durante la partita con il Milan. La posizione della Lazio oggi sarebbe diversa, non dico Champions sicura, ma quasi. Così si sta falsando il nostro campionato".

MALAFEDE - "Lo dicevo due o tre mesi fa. Tra novembre e dicembre siamo stati penalizzati in modo evidente. Quattro partite, una dietro l'altra, in cui la Lazio è stata danneggiata e abbiamo perso le distanze dalla vetta e da Napoli e Juve. Eravamo a tre punti dal primo posto, si parlava di Scudetto. Siamo stati rallentati, ora siamo quarti, in corsa con le altre. Ma c'è stato un handicap. Il campionato, lo dico con chiarezza, è stato totalmente falsato. E non c'è buona fede".

OBIETTIVO CHAMPIONS - "Attualmente siamo quarti. Non me la sento di dare percentuali, ma se lo vogliamo tutti, se continuiamo a lottare e correre, sono convinto che la Lazio nonostante le difficoltà possa raggiungere un risultato che sarebbe meritato e che continuiamo a sognare. La qualità c'è. Alla fine, in fondo al mio cuore, penso riusciremo a farcela".