Non è un giorno come un altro. O almeno non lo è per Luis Suarez. L'uruguaiano questa mattina ha preparato tutto, dato un'ultima occhiata alla lista di cose da fare e ha aspettato sul muretto davanti casa l'amico Leo Messi. Insieme, si sono diretti verso il centro sportivo del Barcellona: sorrisi, mate, vecchie immagini tornate prepotentemente nel presente blaugrana. Come un giorno qualsiasi, appunto. Aperto dalla sgambata quotidiana, che però si chiuderà con una tappa italiana: perché Suarez, a Perugia, è atteso sul serio. 

ITINERARIO - Doccia veloce e poi via, in volo verso l'Italia. Suarez arriverà a Perugia intorno alle 14.30, dove ad attenderlo ci sarà un mezzo privato che farà un'unica fermata: l'Università degli Stranieri, nel centro città. Nel tardo pomeriggio, il test di italiano, il famoso B1 senza il quale non potrà chiudere la pratica per diventare un cittadino italiano, quindi comunitario, quindi appetibile per il mercato della Juventus. Juve che in queste ore sta definendo l'arrivo di Edin Dzeko, con Milik pronto ad accettare la Roma. Corsa contro il tempo per chiudere trattative ed esami. E' pur sempre metà settembre, per tutti. 

13.20 - Il Pistolero è partito dall'aeroporto di El Prat, con un volo privato diretto a Perugia. Una volta atterrato, sosterrà nel primo pomeriggio l'esame d'italiano per conseguire il passaporto comunitario

14.30 - Ad attendere Suarez all'aeroporto di Perugia ci sarà qualche tifoso, presenti anche davanti all'Università degli Stranieri dove sosterrà il test

15.05 - Suarez è atterrato a Perugia, presto sosterrà l'esame


16.00 - Secondo quanto riporta La Gazzetta dello Sport, Suarez ha superato l'esame e adesso è di ritorno verso Barcellona.