Luis Suarez, nonostante tutto, sarà in Italia. L'attaccante uruguaiano questo pomeriggio arriverà a Perugia per l'esame di italiano, e la Gazzetta dello Sport in edicola assicura: "In questi giorni ha studiato, ha studiato per davvero". 

LE TELEFONATE - Secondo quanto racconta la Rosea, sono stati giorni caldi, caldissimi. In tanti telefonavano allo sportello informazioni per avere qualche dritta. Non vi sono comunque certezze; vi sono possibilità, alte. Del resto,  l’Università per Stranieri è uno dei pochi enti riconosciuti in cui uno straniero può effettuare l’esame di lingua necessario per il passaporto italiano. Si tratta del CELI e il livello richiesto è il B1. Oggi si comincia con i primi selezionati, tra questi può esserci anche Luis. 

L'ATTESA - Ravanelli, intanto, conferma alla Gazzetta: "Mio figlio fa l’università in città e mi dice che c’è attesa. Tutti lo vorrebbero vedere. Naturale, è una stella". Difficile comunque che rientri nei tempi dettati dal mercato: Suarez proverà ad avviare l'iter rapido per il passaporto (che potrà sempre servire, no?), poi si vedrà. 

A BARCELLONA - Intanto, Luis Suarez si è presentato regolarmente al centro sportivo blaugrana. Con lui, Leo Messi, ​chauffeur d'eccezione. Come anticipato nei giorni scorsi da una parte della stampa italiana, per l'uruguaiano c'è anche la possibilità di svolgere il test da remoto.