Non è ancora ufficialmente iniziata, l’avventura di Leonardo Spinazzola con la Juventus, che già l’esterno classe ’93 si vede costretto ad un lungo stop. Fermo da marzo per un problema al ginocchio destro, il giocatore è stato operato ieri a Villa Stuart dopo gli esami che hanno evidenziato la lesione del legamento crociato anteriore e del menisco mediale. Spinazzola - che a giugno tornerà in bianconero dopo la scadenza del prestito al club di Percassi - resterà fermo per circa sei mesi, con la Juve al lavoro per risolvere questo nuovo problema sulla fascia.

ALEX SANDRO, NESSUN DIETROFRONT - Il k.o. di Spinazzola va inevitabilmente a cambiare i piani della Juve, che ha già salutato di fatto Kwadwo Asamoah (destinato all'Inter) e vede in Alex Sandro uno dei nomi più caldi del mercato in uscita. Proprio attorno al brasiliano ruotano molte delle mosse sul fronte terzini, ma l’infortunio dell’atalantino non farà cambiare idea in automatico alla dirigenza bianconera. L’ex Porto era vicino alla cessione già la scorsa estate e, un anno dopo il corteggiamento insistito del Chelsea, per lui si stanno muovendo Paris Saint-Germain e Manchester United. Alex Sandro può partire, anche con Spinazzola ai box: al contempo, per la corsia sinistra la Juve valuta la possibilità di trattenere Benedikt Höwedes (che in quel ruolo ha giocato e vinto la finale del Mondiale 2014) e di chiudere un grande colpo. Nella rosa degli obiettivi spiccano Lucas Digne del Barcellona, Filipe Luis dell’Atlético Madrid e Juan Bernat del Bayern Monaco. Senza considerare quel Matteo Darmian che, da obiettivo principale sulla destra, può trasformarsi in un’ottima alternativa per la fascia mancina. La Juve è pronta a cambiare il piano “terzini”: un reparto che, anche con l’infortunio di Spinazzola, potrebbe non vedere più Alex Sandro in bianconero.

Sfoglia in gallery, caso per caso, i probabili terzini della Juve 2018-19.