Luciano Spalletti, allenatore dell'Inter, ha parlato a Sky Sport dopo la sconfitta con la Juve: "La partita va giocata in un certo modo, costante e continuo, considerando i momenti in cui bisogna soffrire rientrando in difesa. Lo abbiamo fatto abbastanza bene, ma ci sono situazioni lette male e interpretate in modo sbagliato, mentre la Juve su questo non sbaglia mai. Poi si può fare gol o non farlo. In generale troppi errori nostri tecnici, ci sono state azioni in cui noi gli abbiamo fatto recuperare la linea perchè saltata la linea di pressing non siamo riusciti a servire i compagni davanti. Queste cose fanno la differenza, poi c'è sempre una leggerezza, un'interpretazione tardiva che ti penalizza. La partita è stata condotta bene, poi in alcuni momenti le letture sono approssimative. Anche sui falli, loro sono bravi a prenderli e perderci anche 5 minuti in maniera mestierante, mentre noi siamo ingenui. 

Icardi? E' stato molto più bravo di altre volte a venire incontro e trovare gli appoggi per creare opportunità importanti per ripartire.

Il gol? Non si è riallineata la linea e i difensori hanno preso la palla alle spalle. E' quello l'attaggiamento più leggero di cui parlavo, momenti in cui rischi, vai in svantaggio e poi recuperare è dura. Lì stavano parlando. Come Matuidi carica la linea deve scappare.

Il cambio di Politano? Un po' per la Champions, un po' per la stanchezza e per avere palleggio. Poi, la Juve è brava perchè hanno questo mestiere: se gli dai 1 portano a casa 1, se gli dai 10 portano 10. Io le sostituzioni poi le sbaglio tutte, lo facevo per metter uno che palleggiasse di più e che sapesse bene cosa fare con il pallone. Stasera ci si rimane male ad andare via senza punti. Se non dormirò per il palo di Gagliardini? Le notti sono per voi, io non dormo fino a sabato".