Stefano Sorrentino, ex portiere del Chievo, ha parlato ai microfoni di Soccer Magazine:

RIMPIANTI? - "Per quanto riguarda il discorso sullo scudetto sono statistiche, io ho fatto tutta la trafila nel settore giovanile della Juventus, un anno solo sono andato in prestito alla Lazio e poi sono tornato alla Juventus. Non ho nessun tipo di rimpianto, ero un ragazzino, quindi ho sfruttato al meglio le occasioni che mi sono capitate".

SULL'EREDE DI BUFFON - "No, sono convinto che Gigio abbia tutte le carte in regola per prendere l’eredità di Buffon. Poi ha tanti margini di miglioramento e dipenderà da lui il prosieguo della carriera".

PREMIO YASHIN E PALLONE D'ORO AI PORTIERI - "C’è poca considerazione perché non vedo perché il portiere non debba vincere il Pallone d’oro. Quello del portiere è un ruolo particolarissimo e allo stesso tempo con delle responsabilità. È forse l’unico ruolo che va a incidere in ogni partita in maniera positiva o negativa sul risultato, quindi penso che sia giusto avere un po’ più di attenzione per quanto riguarda i portieri alla consegna del Pallone d’oro".

SUL PALLONE D'ORO NON ANDATO A BUFFON NEL 2006 - "Ci stava che lo poteva vincere anche lui, ci stava che lo poteva vincere anche Alisson l’anno scorso, quindi sono tanti i casi che potremmo citare. Il discorso è che purtroppo preferiscono dare i punteggi a chi fa goal e a chi fa vincere le partite, dimenticandosi che il portiere comunque è un ruolo determinante".

SU MIRANTE - "Bisognerebbe farla a lui questa domanda, non a me. Quelle sono scelte personali. Io ho sempre preferito giocare titolare, magari anche in squadre minori. Io posso rispondere per me e non per gli altri, anche perché Antonio oltre che essere un amico secondo me è un gran portiere ed è un peccato vederlo in panchina. Però bisognerebbe parlarne con lui direttamente".