Giovanni Simeone si racconta. Tra campo, compagni, mercato e qualche indicazione anche per la Juve... Ecco le sue parole al Corriere dello Sport: "Muriel? Dalla sua esperienza posso imparare tanto. È quella che gli fa fare la differenza davanti alla porta avversaria, lo ha dimostrato già domenica. Dà ulteriore consistenza all’intero reparto offensivo. Fin da quando è arrivato ci ha fatto percepire subito la gran voglia di fare bene, di lasciare il segno che ha. È uno stimolo per tutti. Dobbiamo essere scaltri a sfruttare questo nostro punto di forza e al tempo stesso attenti a chiudere gli spazi in caso di ripartenze degli avversari".

COPPA ITALIA - "Io ci credo, è una grandissima occasione che dobbiamo cercare di sfruttare al massimo. Abbiamo superato il Torino, avversario non certo semplice da battere, e non possiamo fermarci. Sono convinto che con la giusta spinta, non dimentichiamoci che giocheremo in casa, con Firenze dalla nostra parte, e la voglia necessaria ad andare oltre ogni difficoltà, potremo giocacela. Lotteremo per dire la nostra. Sogno? Vincere. Sogno intanto un titolo con il club, con la Fiorentina, e poi sarebbe bellissimo arricchire il palmares della Seleccion. E per tutto questo ci sto lavorando (sorride)".

ATLETICO-JUVE - "Sarà una bellissima partita, sicuramente molto equilibrata. Cosa mi dicono quando vado a Madrid? Griezmann è fortissimo, come Godin e tutti gli altri. Molti di loro mi hanno visto crescere, c’è un bel rapporto di stima".