Mario Sconcerti ai microfoni di Calciomercato.com commenta l'ultimo turno di Serie A.

ARBITRI - «Io credo che la situazione ad oggi sia poco sopportabile. Chiarisco: non c’è nessun tipo di complotto, ma c’è una situazione nuova. E una nuova verità: la categoria arbitrale è in confusione. Perché è una categoria che per mestiere guida, deve dirigere. Oggi invece gli arbitri sono controllati da altri due arbitri. Questa cosa ha rovesciato il ruolo dell’arbitro. Ripeto: il ruolo dell’arbitro è andato in confusione. Non si può fare il medico e il malato contemporaneamente. Non si può fare il sacerdote e il commerciante di santini allo stesso tempo. Sono convinto che sia la parte migliore del calcio. Perché è la più selezionata. Chi arriva in A è il migliore».

AJAX-JUVE - «Sono convinto che passi la Juve. A Firenze quando si trova un bel bambino si dice che è «bellino», che è il massimo dei complimenti. Ecco, l’Ajax è «bellino». Ma la Juventus è nettamente più forte. E nel calcio vincono i forti, non vincono i belli».

INTER - «L’Inter è tornata sui suoi livelli. L’Inter è più padrona dei propri mezzi. Ma questa squadra, con gli stessi 60 punti di oggi, l’anno scorso era quinta. Ma è sempre a 24 punti dalla Juve. C’è una tranquillità diversa, si può ragionare sul futuro con più serenità. Si può persino pensare che Spalletti resti».