Maurizio Sarri, ai microfoni di Rai Sport, commenta Milan-Juve.

MIGLIORAMENTO - "No, non c'è stato ma fa parte della normalità. Siamo in una fase in cui fatichiamo a crescere. Stasera meglio nell'uscita da dietro e il palleggio. Certi tratti li abbiamo fatti bene e siamo mancati negli ultimi metri". 

I GOL - "Prendiamo gol in circostanze evitabili. La palla dentro era lenta e facilmente prevedibile. Fatichiamo a migliorare, ma stasera venivamo da una brutta partita, abbiamo fatto un buon risultato verso il ritorno. Va bene così". 

RISPOSTE - "Avessi delle risposte certe, si partirebbe da 0-0 ed eviteremmo di prenderlo. A volte per qualche leggerezza, stasera non abbiamo attaccato una palla lenta e difendibile. Volevamo evitare di portare Ibra dentro, difendere alto. Lì è stato fondamentale, siamo mancati nell'attacco della palla".​

PREOCCUPAZIONE - "Non sono preoccupato, mi sento bene e le preoccupazioni vere ce l'ho solo sulla salute. Mi sembrano fasi normali, è impensabile fare una crescita con una curva d'ascesa continua, non è possibile nella vita figuriamoci in uno sport umorale e dipendente dalle condizioni mentali. Siamo in un momento in cui la crescita è bloccata, ho visto palleggio e da lì possiamo ripartire. Dobbiamo evitare i gol evitabili. In un calcio che non è più quello di qualche anno fa, sembra di subire tantissimo ma abbiamo preso 2 gol in più della miglior difesa. Dal palleggio possiamo ripartire per essere più pericolosi".​

CENTROCAMPO - "Sono assolutamente in disaccordo, Pjanic ha fatto una grande partita, Ramsey poi è calato. Ma nel primo tempo ho visto partire in crescita, lo stesso Pjanic veniva da prestazioni non da Pjanic e ha fatto una buona partita. Le uscite da dietro sono state buone, visto anche che loro venivano a pressarci, ci sono mancati gli ultimi 25 metri. Ronaldo lasciato troppo solo, compagni distanti, su questo sono d'accordo. Sulla lentezza dei centrocampisti no, non sono d'accordo". ​

PROBLEMI DIETRO - "Chiellini? Certi giocatori è evidente che mancano a noi come a tutte le squadre del mondo, sono giocatori top e quando non ci sono c'è qualche ripercussione. Ha personalità, energia, non lo so sui tempi di recupero, dipenderà molto dalle sensazioni. Ha fatto la partitella a tutto campo con le formazioni giovanili, mi ha detto che ha avuto sensazioni di discreto livello. Vedremo di fare qualcosa di più impegnativo".

LIONE - "Come ci arriva la Juve? Tempi calcistici abbastanza lunghi, vediamo, 15 giorni fa stavamo benissimo, ora stiamo un po' meno bene, tra 15 giorni magari stiamo di nuovo benissimo. Difficile da programmare, da sapere, traggo comunque indicazioni positive".​