San Valentino vuol dire amore. E quello che lega Cristiano Ronaldo alla sua famiglia, con particolare attenzione a mamma Dolores e Georgina, è indissolubile. Oggi, che è il 14 febbraio, come lo sarà domani, anche senza che sia San Valentino. Eppure, pensando all'amore nella giornata che lo rappresenta, non può non venire in mente l'altro grande rapporto della vita del portoghese: quello con la Juventus. Anche in questo caso, gli affetti sembrano essere saldi: il "siuuu" del pubblico dello Stadium è sempre più forte e Ronaldo ricambia, facendolo riecheggiare costante, ogni giornata da dieci a questa parte. Ora, il mirino è verso il Brescia, ma la storia recente della Juventus racconta anche di un amore che sta diventando forse eccessivamente ossessivo. 

Non a caso, sembra proprio che la Juventus di Maurizio Sarri dipenda esclusivamente dai suoi gol. Così, come ogni rapporto morboso, si rischia di esplodere. Dalla Spagna, infatti, rimbalzano strane voci, con un CR7 nostalgico di Madrid che avrebbe una gran voglia di tornare al Real. Insomma, non proprio le voci migliori da orecchiare il giorno di San Valentino. Così, mentre i rumors dicono rottura, Ronaldo e la società smentiscono, privatamente e non solo. Già, perché come in ogni relazione, si devono preservare le apparenze, anche quando tutti non vedono l'ora di notare qualche segno di litigio.

Nulla di cui preoccuparsi, a quanto sembra. Ancora ieri, Fabio Paratici ha parlato di permanenza di CR7, che onorerà il contratto, ma non solo perché c'è una firma a costringerlo. Filtra sincerità, insomma, oltreché fiducia. La stessa che Ronaldo ha conquistato, non solo guardando al campo. Infatti, l'affare CR7 ha portato benefici al bilancio, come testimonia il segno più nei ricavi della scorsa stagione. A San Valentino vince l'amore, ma anche a giugno, molto probabilmente, saranno ancora baci e abbracci.