L'invasione di campo a Villar Perosa ha stoppato una partita che a livello di risultato non aveva ormai più niente da dire ma, soprattutto, ha bloccato il possibile esordio di Aaron Ramsey, che dallo scorso 6 agosto ha iniziato il reinserimento in gruppo e che al momento dell'invasione aveva appena iniziato a riscaldarsi a bordocampo. Il centrocampista gallese è out dallo scorso maggio quando ha subito un infortunio al ginocchio dal quale ha iniziato a recuperare tra Londra e Torino. La classica invasione di Villar Perosa, però, ne ha solo rimandato il debutto che ora è maturo.

ESORDIO - E' l'unico nuovo acquisto che Sarri non ha avuto ancora la possibilità di vedere in partitella. Come ha ricordato Paratici ieri, Ramsey è un calciatore che "era sulla bocca di tutti" e che alla fine ha scelto di giocare con la maglia della Juve. Sarà un'arma tattica importante per Maurizio Sarri che potrebbe utilizzarlo come mezzala oppure come trequartista dietro a due punte nel 4-3-1-2. Il tecnico bianconero deve ancora scegliere il miglior vestito tattico per la Vecchia Signora ed Aaron scalpita per mettersi in mostra. Dovrà scalare le gerarchie perché rispetto agli altri inizierà dopo ad allenarsi a pieni giri. Anche i tifosi però non vedono l'ora di vedere in campo il nuovo numero 8 bianconero. Magari, chissà, già a partire da sabato quando la Juve sfida in amichevole la Triestina. 

CAMPIONATO - Di certo Sarri spera di averlo a disposizione per la prima di campionato a Parma. L'inserimento sarà ovviamente graduale ma Ramsey vuole bruciare le tappe come sta facendo fuori dal campo. L'ex Arsenal sta seguendo un corso per imparare l'italiano che pratica, a volte, anche sui social con qualche breve post. La città di Torino l'ha rapito tanto che spesso lo si vede in giro per il centro città assieme alla sua famiglia. Anche lui considera già la Juve come una famiglia, ora manca solo l'esordio. Solo l'invasione di Villar l'ha rimandato.

@lorebetto