Quando gli ricordano che Aaron Ramsey è destinato a vestire la maglia bianconera, lo sguardo e le parole di Max Allegri vanno subito verso i suoi "ragazzi". "Ho già cinque centrocampisti, sono talmente bravi che non ho bisogno di nessuno", assicura il tecnico bianconero, focalizzando l'attenzione sugli obiettivi del presente. Eppure, proprio per raggiungere questi stessi obiettivi, Ramsey farebbe comodo da subito: ed è questo il motivo per cui la dirigenza bianconera continua a spingere per averlo a disposizione già in questa finestra di mercato.

SERVE SUBITO - Da Ramsey e il suo entourage sono arrivati segnali assolutamente positivi: il centrocampista gallese, in scadenza con l'Arsenal a giugno, firmerà con la Juve un contratto quinquennale da 6,5 milioni di euro netti a stagione più ricchi bonus. Un nuovo gioiello a parametro zero già pronto per luglio, ma alla Continassa la consapevolezza è che un rinforzo del genere servirebbe con sei mesi d'anticipo. Il motivo è da ricercare in un centrocampo che già nella prima parte di stagione ha sofferto di diversi infortuni, ma anche nella lunga assenza di Cuadrado: proprio Ramsey, abituato spesso a giocare a Londra come esterno d'attacco, rappresenterebbe un innesto fondamentale per la trequarti di Allegri dopo l'operazione al ginocchio subita dal colombiano. 

OCCHI SU RAMSEY - Allegri tiene il profilo basso, ma anche nella giornata di domani avrà occasione di osservare Ramsey: la Juve sarà in campo la sera contro il Bologna, mentre il centrocampista gallese sarà impegnato contro il West Ham alle 13.30. "Guardo tutte le partite, anche quelle di Premier...", confessa il tecnico bianconero. L'Arsenal non ha chiuso le porte all'immediata partenza del proprio giocatore, fissando però il prezzo oltre i 20 milioni: Paratici ha ancora tempo per provare ad abbassare la richiesta, con l'obiettivo di regalare Ramsey ad Allegri entro il 31 gennaio. Chissà che, per assistere alle sue prossime prestazioni, a Max non serva un televisore o uno smartphone...


@mcarapex