JUVENTUS-LAZIO 3-1

Israel 7– Para un rigore e poi dice di no a Russo che poteva riaprire una partita già chiusa.

Leo 5.5 – Importante apporto fisico in difesa, ma ingenuo in occasione del secondo rigore per la Lazio.

Dragusin 5.5 – Causa un rigore dubbio, ha qualche alto e basso e perde Franco in marcatura permettendogli di segnare il 3-1

Gozzi 6 – Qualche sbavatura ma alla lunga tiene botta.

Anzolin 6 – Non troppe discese ma dà equilibrio. (77’ Verduci sv)

Fagioli 7 – Si alterna con Leone in regi Segna il rigore del 2-0. La sua qualità è fondamentale per Zauli

Leone 6– Playmaker. Bene nel corto, un po' meno preciso sui lanci lunghi ma è in crescita. (77’ Francofonte sv)

Ranocchia 6 - Primo ammonito della partita e non a caso primo ad uscire col rischio rosso sul groppone (59' De Winter 5.5 – La Juve concede qualcosa anche quando entra in campo lui)

Stoppa 6 – Attivo. Ha una buona palla gol per il quarto gol ma non legge bene il cross di Sene.

Petrelli 7.5 – Provoca l'autogol di Ndrecka. Nel primo tempo aveva avuto il grande pregio di lottare su tanti palloni e prendere diverse botte. Vince quasi tutti i duelli. (65’ Gerbi 5.5 – I bianconeri non creano quasi più niente con lui, lotta meno di Petrelli)

Sene 7.5 – La Juve non può prescindere da lui. Quando i bianconeri vincono lui ci mette sempre una prestazione importante. Senza dimenticare i gol. Certezza. (65’ Penner 6 – Si sacrifica)

All. Zauli 6.5 – Vittoria importante: Juve vince 3-1 ma anche lui sa che ad aver fatto la differenza sono stati gli episodi. Ancora troppe volte la sua Juve spegne la luce: la Lazio sbaglia un rigore e Israel si fa notare per un paio di parate importanti.


Lazio: Alia 6; Franco 6, Kalaj 5.5, Petricca 5; Kaziewicz 5.5, Czyz  5.5 (55' Bertini 5), Minala 6.5, Shehu 5 (82' Cesaroni sv), Ndrecka 6; Cerbara 5 (69' Russo 6), Zilli 6. All. Menichini 5.5.