Pogback! Sì, può succedere davvero. Nonostante il Covid e le risorse limitate, il francese non è mai uscito dalla testa dei dirigenti bianconeri. Di Fabio Paratici in particolare, per il quale il centrocampista del Manchester United è un vero e proprio pallino. Da circa cinque anni, praticamente. Da quando il giocatore ha lasciato Torino per tornare in Premier League di fronte a 105 milioni di euro. Italia-Inghilterra, viaggio di andata e ritorno? Possibile, perché il legame tra Paul e la Juventus è sempre stato solido, in ogni finestra di mercato viene accostato ai bianconeri e a poco più di un anno dalla scadenza di contrato potrebbe essere la volta buona.

LE CONDIZIONI - Solo a determinate condizioni, però: Paratici, come riporta Calciomercato.com, è pronto a mettere sul piatto un ingaggio da circa 8/9 milioni per Pogba; lo stipendio proposto non arriva alle cifre attuali che guadagna allo United ma supera quel tetto salariale che la società ha imposto per i nuovi acquisti. Segno che la Juve vuole mettercela tutta per far tornare Paul a Torino ed è pronta a fare uno sforzo, anche economico, per riabbracciarlo. Anche se ultimamente i rapporti tra il giocatore e Solskjaer sono migliorati in realtà non sono mai decollati del tutto e il francese ha sofferto anche in campo questa mancanza di empatia con l'allenatore.

LE OFFERTE - La Juve ha sempre mantenuti vivi i rapporti con il giocatore e col suo agente Mino Raiola, già negli anni scorsi si era tanto un approccio per provare a riportarlo in bianconero ma senza successo. Paratici aveva messo sul piatto in diversi momenti Pjanic, Douglas Costa, Ramsey e Rabiot; la risposta dello United era sempre la stessa: no Paul rimane a Manchester. Quest'estate, però, può cambiare qualcosa.