La Juve cerca un centrocampista. Sì, di qualità e di inserimento, di gol e di fraseggio. Ecco, molto più facile sarebbe provare a rivalutare Aaron Ramsey, che alla Juve guadagna tanto e che resta difficile da piazzare. Dunque, il primo punto all'ordine della rivoluzione resta quello di risanare un reparto troppo maltrattato, da critica e infortuni, ma anche dalle prestazioni fornite dagli stessi singoli. Con l'arrivo di Arthur e la crescita di Rabiot, con Bentancur sempre più leader, all'appello mancherebbe proprio Ramsey. Quasi scavalcato dal nuovo volto McKennie.  IL POSTO GIUSTO - Doveva fare il trequartista, poi la mezzala a supporto degli esterni. Con Sarri è stato tutto un crescere e decrescere, in campo e fuori. Lo stop generale è stata la ghigliottina finale su una stagione partita sì bene, ma soggetta a troppe interruzioni fisiche. Alla fine, 4 reti. Il migliore tra i centrocampisti: e pensate se avesse disputato una stagione di livello. Il feeling con il gol è innato e Pirlo ha intenzione di sfruttarlo. Nella tesi di laurea, come racconta il Corriere dello Sport, parla di trovare un giocatore in zona di rifinitura, dei cosiddetti "gol dai centrocampisti" che alla Juve sono scomparsi dai tempi di Pogba e Vidal, di Marchisio e appunto Andrea Pirlo. Adesso? Serve il posto giusto. Magari proprio a partire dalla gara con la Sampdoria.