Andrea Pirlo, a Sky Sport, ha analizzato la vittoria con l'Udinese. 

CAMBIO DI MARCIA - "Vittoria arrivata con fatica, orgoglio. Importante anche in base ai risultati del pomeriggio. Ci eravamo complicati la vita per l'ennesima volta per una disattenzione. C'è stata voglia di portare a casa il risultato ed è la cosa più importante". 

PRESSIONE - "Un po' tutto ha condizionato. Stanchezza mentale, se non sei abituato a lottare per la Champions, qualcosa cambia nella testa id tutti. L'obiettivo è cambiato e dobbiamo raggiungere la qualificazione in Champions. Sarà faticoso, ma dobbiamo riuscirci". 

SCUDETTO INTER - "Cosa dico a Conte? Faccio i complimenti all'Inter, al mister, grande campionato. Meritato questo successo. Per noi adesso ci sarà da cambiare, vogliamo ritornare ad essere campioni. Finito un ciclo, se ne riapre un altro con voglia di vincere lo scudetto".

ABBRACCIO - "Il gruppo c'è, è forte, ha voglia di lottare e di raggiungere obiettivi. Non è mai mancato, magari siamo mancati in mentalità e atteggiamenti non da Juventus. La squadra sa quello che vuole, è unita per la Champions. L'abbraccio finale è importante. Ma mancano ancora partite importanti". 

SOFFERENZE - "Pensavo di soffrire un po' meno, viverle da fuori è diverso. Ma quando si vincono le partite così hai grossa energia e tanta adrenalina".