L’annata 2020-21 si può definire come una delle più nere della storia recente della Juventus. Fuori dalla Champions agli ottavi di finale, in lotta per una qualificazione tutt’altro che scontata. Tutti sotto pressione, da Pirlo fino a Paratici, adesso in bilico più che mai.

ANNO DA DIMENTICARE - La sua era è naturalmente caratterizzata dall’acquisto di Cristiano Ronaldo e da colpi riusciti, come Chiesa e de Ligt, ma anche da operazioni negative (vedi Ramsey e Rabiot a parametro zero). Inoltre, da quando Marotta ha rotto con il club, il capo dell’area sportiva ha assunto un ruolo più ampio, trattando argomenti extra-campo. Il caso Suarez è un esempio, la cronaca degli ultimi fatti il colpo di coda che testimonia una stagione da dimenticare per Paratici.

INCONTRO E SUCCESSORI - Come riporta La Gazzetta dello Sport, questa potrebbe essere la sua ultima annata in bianconero: il suo contratto è in scadenza a fine stagione, come quello di tutti gli uomini chiave dell’area sportiva compreso Cherubini, e la Juve presto deciderà il da farsi. Molto presto, possibile agli inizi di giugno con un vertice chiarificatore, una volta chiuso il campionato e note le sorti in Champions. Il destino di Paratici è in mano alla Vecchia Signora, che nel frattempo guarda oltre la siepe. Da Cristiano Giuntoli del Napoli a Marcello Lippi come direttore tecnico, fino al big bang, come definisce la Rosea: il clamoroso ritorno di Beppe Marotta, voci che per ora non trovano conferme.