Il nome nuovo per l'attacco della Juventus è serbo. No, non parliamo di Dusan Vlahovic, di cui abbiamo parlato e scritto ampiamente, e ancora lo faremo. Ma del suo connazionale che, stando alle ultime indiscrezioni, potrebbe essere la sua alternativa per il mercato bianconero in entrata.

Aleksandar Mitrovic è un centravanti 27enne di 1 metro e 90, uno che sicuramente fa reparto da solo anche se fino adesso non è riuscito a sfondare ai piani più alti del calcio europeo. Emerso da giovane nel Partizan, non ancora ventenne si è trasferito nell'Anderlecht dove si è guadagnato la fama di possibile crack per i campionati top. Ecco dunque, nel 2015, la chiamata del Newcastle in Premier League. Lì però qualcosa si blocca, Mitrovic non riesce a fare la differenza, e a gennaio 2018 scende di categoria per ritrovarsi.

Sarà la svolta. Nel Fulham, in Championship, contribuisce subito alla promozione in Premier, e da lì comincia un nuovo capitolo che lo porta anche a prendersi la Nazionale serba. Disputa da titolare i Mondiali e da lì non si ferma più: ormai con la Serbia segna praticamente una gara sì e l'altra pure, tanto da mandare la propria squadra a Qatar 2022 senza passare dai playoff, a scapito di Cristiano Ronaldo e compagni.

E nel Fulham? Continua a fare l'ascensore da prima e seconda serie inglese. Con percentuali realizzative che rimangono un po' strozzate nel massimo campionato, mentre nella "serie B" quest'anno conta più gol che presenze. Le caratteristiche che cerca la Juve, in sostanza ci sono: un vero, verissimo numero 9. Quello che manca è lo step che conta, la consacrazione definitiva. Chissà che non possa, proprio nell'età in cui un giocatore generalmente arriva a toccare l'apice della maturità calcistica, trovarla a Torino.