La Juve è pronta a vendere Gonzalo Higuain. Il Pipita ora è concentrato solo sul Mondiale, ma tra la Russia e l'Italia ogni giorno che passa lo vede sempre in attesa dell'offerta giusta. Il Chelsea si è già mosso indipendentemente dal prossimo allenatore, una proposta soddisfacente per la Juve (almeno 65 milioni di euro) non è ancora arrivata e la nomina di Maurizio Sarri potrebbe effettivamente essere il fattore scatenante per l'affondo decisivo. Non solo: più viva che mai l'ipotesi Inter, legata a doppio filo con la situazione di Mauro Icardi. Già, perché con Higuain già prescelto quale sacrificio sull'altare di mercato e bilancio, proprio il capitano nerazzurro rimane l'obiettivo numero uno per l'attacco della Juve. Obiettivo numero uno per ordine di importanza ed anche di difficoltà. Ma anche se negli ultimi giorni di questa clamorosa operazione si è parlato molto meno, questo non significa che sia già tramontata: tutt'altro. Tanto complicata e costosa (non solo in termini di soldi), quanto ancora viva. Ma non c'è ovviamente solo Icardi nel mirino della Juve, che pure lavora per non farsi trovare impreparata se alla fine il muro dell'Inter dovesse resistere pur con Higuain sul piatto. E in tal caso il progetto bianconero cambierebbe, anche per caratteristiche.

 

 

MORATA O MARTIAL – Senza Higuain e senza Icardi, la Juve potrebbe quindi avere un attacco completamente diverso pur cambiando una sola pedina. Si lavora per convincere Mario Mandzukic a cambiare programmi e restare, con il croato che resterebbe quale prima alternativa fisica di sicuro affidamento per Max Allegri. Mentre a completare un reparto all'insegna di rapidità e classe con Dybala e Douglas Costa, Bernardeschi e Cuadrado, arriverebbe un'altra punta che fan di rapidità e attacco alla profondità le proprie armi migliori. In cima alla lista, in tal senso, rimane Alvaro Morata: su di lui è stato il Milan il primo a muoversi, anche se le precarie situazioni del club rossonero hanno portato la trattativa ad un punto di stallo. Che potrebbe aiutare la Juve nel caso in cui decidesse di tentare l'affondo, i rapporti con il Chelsea sono ottimi e i Blues potrebbero anche aprire (come anticipato da ilBiancoNero.com) ad un ricco prestito con obbligo di riscatto pur salvaguardando la valutazione da circa 70 milioni. Poi c'è Anthony Martial: l'ex Monaco è in scadenza al 30 giugno 2019 e non rinnoverà. Alla Juve piace da tempo, la concorrenza non manca, ma le condizioni portano ad una di quelle grandi opportunità di marottiana memoria da provare a cogliere al volo. La prossima settimana nel summit di Manchester non si parlerà solo di Matteo Darmian...

Nella gallery, dati e numeri degli attaccanti sul taccuino di Marotta e Paratici: il migliore è...


@NicolaBalice

Con carta Hybrid Juventus puoi rateizzare il tuo abbonamento allo stadio. Porta la tua passione sempre in tasca!