Lionel Messi all'Inter. La notizia, che più che notizia è voce, è stata prima rilanciata da Massimo Moratti, poi ripresa qua e là anche dall'Argentina. Tutto è successo, ma tutto è stato anche smentito. Già, perché ci sono alcune iperboli giornalistiche che non possono passare inosservate: allora, ecco che lo stesso Messi, su Instagram, ha etichettato come "bugia" questa voce di mercato. Certo, era un chiacchiericcio, per un colpo come Messi, non deve scappare nessuna notizia prima che accada per davvero. Sono quelle trattative oscure, segrete, che s'infiammano un giorno d'inizio estate e, nel giro di qualche settimana al massimo si chiude. Insomma, una roba difficile da immaginare. 

Come se, ad esempio, la Juve avesse voluto Cristiano Ronaldo. Mica si fa rumore per nulla prima, ci si muove sottotraccia e poi, quando ancora gli altri si stanno prendendo beffa di te, fai uscire l'ufficialità. Certo, se la Juventus avesse voluto Cristiano Ronaldo, si sarebbe comportata così. Cosa? La Juve ha preso Ronaldo? Due anni fa? E Cobolli Gigli? Ad aprile non disse che era una cosa fattibile? No? Chissà perché... Forse, è una questione di stile. O forse, è solo una questione di realtà, decisamente meno opinabile di quanto non sia l'ironia. Giustamente, cari tifosi interisti, si scherza. Si scherza perché l'illusione non è colpa di chi la prova, ma di chi la suscita. 

Certo però, che dev'essere stata bella grossa, per far uscire lo stesso Messi allo scoperto. Sicuramente, è sintomatico che non c'è stato alcun tipo di contatto, altrimenti non avrebbe senso uscire così a gamba tesa. Deve però fare un brutto effetto, quando il più forte giocatore del pianeta, l'unico nome che forse ti farebbe sognare di avercela fatta, per una volta, a colmare quel gap, ti snobba, con un messaggio su Instagram. Non è una vera e propria friendzone, ma ci si avvicina. Come se, prendendo informazioni su una persona che ci piace, non solo scopriamo che è fidanzatissima, ma che ci trova giusto giusto appena simpatici. Zero possibilità, nemmeno adulterine. Peccato, ma d'altronde, ci vuole fascino per corteggiare i campioni. Non tutti possono permetterselo.