L'Allianz Stadium è già sold out. Dopo la fase di acquisto riservata alle conferme, sono bastate poche ore per la vendita riservata ai J1897 Member e ai Premium Member per non lasciare nemmeno le briciole. Gli abbonamenti stagionali sono 29.300: 25.300 più i 4.000 posti Premium. Un successo su tutta la linea. Anche la prossima stagione, quindi, lo Stadium sarà sempre stracolmo e nonostante cambi il nome, non cambierà l'atmosfera. Va detto, però, che la corsa all'abbonamento non era da dare per scontata: nonostante i recenti successi, il momento storico non è il migliore degli ultimi anni. Cardiff è una ferita ancora aperta e non era l'unico fattore che poteva ostacolare la campagna abbonamenti.

Fin da subito, infatti, è scoppiato il caso caro prezzi. Ancora più alti dell'anno precedente, i più alti d'Italia. Più alti anche di quelli del Bayern Monaco, per fare un esempio. E i tifosi hanno protestato, con tanto di striscione fuori dallo stadio. Niente che possa fermare la passione, però. Come non l'ha fermata un mercato che non decolla e per adesso è più fonte di incubi che di sogni. L'addio di Dani Alves ha amareggiato, quello possibile di Alex Sandro terrorizza e in entrata non ci sono nomi che permettono di compiere voli pindarici. Il tifoso medio bianconero non è soddisfatto. Ma poco importa, gli abbonamenti non ne hanno risentito. La passione supera tutto. Ed evidentemente c'è anche tanta fiducia.

Adesso, però, dopo la grande dimostrazione di fiducia e amore dei tifosi, è il momento della società. Prezzi più alti? Nessun problema se sul campo le cose vanno come sperato. E perché succeda serve il mercato. Adesso è il momento dei colpi, quelli veri. Per dimostrare che la fiducia è ben riposta e che quei sacrifici sono motivati. La risposta del popolo juventino è quella sognata: ora tocca alla dirigenza esserne all'altezza.

@Edosiddi