Un guizzo di Alex Sandro (e il ritorno di Cuadrado), un rigore trasformato da Paulo Dybala e un allungo di Morata. Oh, ci ha messo una quarantina di minuti, poi la serata di Malmo è diventata più serena, nonostante i carichi di tensione di una vigilia che raccontava, bisbigliava, faceva intuire pizzichi d'incertezza. La Juve si è regalata un primo tempo zen: ora conduce per 3-0 in Svezia. A segno due grandi esclusi della trasferta di Napoli, non a caso. E Alvaro, apparso in grandissimo spolvero.

Ebbene: è in generale un'altra Juve. Più solida, compatta, in grado di tenere l'avversario e di ripartire con qualità. Allegri l'ha disegnata double-face: 3-5-2 in fase offensiva, 4-4-2 in fase difensiva. E contro un avversario certamente modesto, non sarà una quadra ma assume i tratti della toppa giusta. 

Leggi TOP e FLOP nella gallery dedicata.