Luciano Spalletti, allenatore dell'Inter, presenta in conferenza stampa il match contro la Juventus, in programma all'Allianz Stadium domani sera alle 20.30. Ecco le parole del tecnico nerazzurro:

PERIODO IMPORTANTE - Non sono momenti da mettere insieme. Si gioca molto per quanto riguarda tutta la stagione, ma dobbiamo fare molta strada passo dopo passo in maniera corretta. Se tu fai il primo passo bene viene bene anche quello successivo. È l'addizione tra questi passi a farci capire cosa siamo. Dobbiamo essere bravi a capire che chi è davanti non è così bravo da interferire con la nostra squadra.

SECONDO POSTO - C'è una distanza importante, ma la bella notizia è che possiamo accorciare. La Juve? La Juventus è una squadra che tutti gli anni va a tentare di mettere dentro calciatori che possono fare la differenza rispetto all'anno prima. Tre anni fa, quando ero a Roma, ci hanno preso Pjanic. L'anno scorso aveva il terzino più forte del campionato, Cancelo, e ce lo hanno preso. Hanno preso Higuain dal Napoli. Quest'anno hanno preso Cristiano Ronaldo: la mentalità che porta lui dentro lo spogliatoio è importante. Questa è la differenza. Noi abbiamo fatto il nostro percorso. Loro sono dentro un modo professionistico di fare che è giusto e infatti sono avanti. Dobbiamo giocare queste partite con personalità e carattere. Quello che è visto nelle ultime partite è importante: se facciamo bene quello che sappiamo fare tutti possono soffrire, al di là dell'avversario.

NINJA FUORI - "Nainggolan e Dalbert restano fuori. Sono migliorati negli esami di ieri, ma non ce la fanno". 

TIFO ESTERNO - "Non mi fa effetto e non ci dà nessun beneficio. Mi fa effetto il sentimento e il desiderio dei nostri tifosi".

NON SOLO CR7 - "La Juventus non è solo Ronaldo. C'è anche GC3, Giorgio Chiellini, un giocatore fenomenale. Basta vedere i suoi 5 minuti contro la Spal. Non fa reparto, lui è reparto. È un calciatore di una mentalità e di una forza importante. La Juve ne ha tanti come lui, come ce li abbiamo noi. È il collettivo che ti può salvare. È importante l'atteggiamento di squadra e noi siamo una squadra forte".