Si torna in campo: la Juve, domani sera, affronterà il Bologna per il primo appuntamento di Coppa Italia. Gli ottavi di finale come primo banco di prova, soprattutto per chi ha assaggiato meno il campo, ma anche e soprattutto per ritrovare la brillantezza del campo e traslare gli automatismi del 2018 nel nuovo anno. Che sì, rischia davvero di diventare storico. In conferenza stampa, ecco le parole di mister Allegri:

CONTRO IL BOLOGNA - "Bisognerà essere molto seri, affrontare la partita al miglior modo. Anche per preparare mercoledì. Durante questi mesi, i ragazzi hanno fatto belle vittorie senza portare a casa nulla. Da domani fino al primo giugno ci giochiamo l'intera stagione".

DYBALA - "Domani segna? Mi aspetto che faccia una partita bella, come ha fatto nell'ultimo periodo. Comunque è sempre andato vicino al gol, anche con la Samp è andato vicino al gol. Ripeto: è molto importante per cucire il gioco, soprattutto per caratteristiche: Cristiano e Mandzukic lavorano in profondità, che nella costruzione". 

KEAN - "Domani potrebbe giocare dall'inizio, qualcuno farà un tempo e qualcun altro 90'. Cercheremo di passerei nei 90', ecco perché i cambi saranno molto importanti domani". 

SPINAZZOLA - "Cancelo rientra in Supercoppa, De Sciglio a destra e Spinazzola potrebbe debuttare a sinistra. Altrimenti c'è Alex Sandro". 

RAZZISMO - "Bloccare le partite? Hanno detto le solite robe per riempirsi la bocca. Molto semplice: non è che bisogna spaccare l'atomo in quattro. Ci sono strumenti negli stadi in grado di andare a prendere chi si comporta male. Se non sbaglio, quello che tirò la banana a Sterling non può più entrare negli stadi. C'è un problema: tutti hanno paura di prendere decisioni, perché impopolari. Non vanno più fatti entrare negli stadi. Secondo punto: c'è un rigore, iniziano i 'buu' razzisti. Cosa facciamo? Mi diverte: ho sentito dire tante cose. In questi casi siamo i campioni: invece di stare zitti e decidere, tutti si divertono a riempire la bocca. Facciano cosa gli pare". 

SUPERCOPPA - "Anche qui: non voglio fare una conferenza politica, ci sono tanti bravi che la fanno. E' stato fatto un contratto dalla Lega, dobbiamo andare lì. Le donne potranno venire allo stadio, cerchiamo di vederlo in positivo. Credo che l'Italia abbia dei rapporti internazionali con l'Arabia Saudita. Ci hanno detto di andare a giocare, e andiamo".

SCELTE - "Bonucci gioca, Pjanic vediamo". 

CASO MAYORGA - "Vicenda privata, parlo solo di calcio. Cristiano è sereno, si è allenato bene ed è tornato riposato. Dopo quattro mesi intensi e tirati. Prepariamoci al meglio per la seconda parte della stagione: vanno giocate tutte e 36 le potenziali partite. Possono influire? Ho già risposto. Nella vita privata non entro. Lo vedo sereno e tranquillo, sono vicende private ed è giusto non rispondere".

GESTIONE RONALDO - "Facciamo un passo alla volta: domani bisogna passare il turno e vincere a Bologna. Ronaldo non è andato in Nazionale, ha saltato sei partite. E quelle sei le ha giocate in campionato. Andando avanti, vedremo. Non è solo Ronaldo, anche altri devo gestire per avere tutti gli obiettivi alla fine. Questo è quello per cui lavoriamo. Domani gioca? Gioca sì, vediamo quando, dove e perché".  

RAMSEY - "Ho già 5 centrocampisti, talmente bravi che non c'è bisogno di nessuno. Comunque guardo tutte le partite, stiamo bene così. L'importante domani è rientrare subito nella stagione. Come la prima dopo la sosta. Sennò domani abbiamo già perso un obiettivo". 

MENTALITA' - "Bisogna essere più bravi a gestire la partita, dobbiamo migliorare. Anche con la Samp siamo tornati un po' indietro. Hanno fatto una buona partita, ci hanno tirato una volta in porta e su questo mezzo fuorigioco. Fortunatamente per noi è andata bene, fosse andata 2-2 con la Samp sarebbe stata una brutta partita. Bravo Audero, sì. Ma lì mai avuto il comando della partita: subito ripartenze su palle perse banalmente. Dobbiamo avere una forza mentale per stare nella partita perché è dentro o fuori. 

MANDZUKIC - "Sensazioni? Come dice: no good. E domani gioca Szczesny, in previsione di mercoledì".