"Non ho paura, ma non voglio lasciare l'Ajax in questa sessione di mercato. Abbiamo trofei da conquistare e tutti noi dobbiamo restare in squadra per portare il nostro club al successo", parole e musica di Matthjis de Ligt, che ha parlato da capitano per scaldare i cuori dei tifosi dell'Ajax in vista di un intrigante finale di stagione. I Lancieri lottano per il titolo in Olanda e affronteranno il Real Madrid negli ottavi di finale di Champions League, in cui partono tutt'altro che sconfitti. De Ligt non se la sente, quindi, di lasciare il club senza il proprio leader, difensivo e non soltanto. In estate, però, riparte la caccia. E la Juventus è sempre in prima fila. 

LE RICHIESTE - I bianconeri conservano una posizione di forza nell'affare, essendosi mossi per primi la scorsa estate e avendo già accolto de Ligt a Torino insieme al suo procuratore, Mino Raiola, con cui il rapporto sul mercato è già proficuo per tanti altri nomi di sua proprietà. Attenzione, però, alle richieste dell'Ajax e di Raiola: 75 milioni di euro per il cartellino e un ingaggio da 7 milioni netti a stagione per i prossimi cinque anni. Cifre da capogiro per un difensore che, a nemmeno 20 anni, è già capitano nel suo club e titolare nella Nazionale olandese, ma ha ancora tutto da dimostrare ad altissimi livelli.

OBIETTIVO NUMERO 1 - A queste cifre, il Barcellona si è chiamato fuori, in particolare dopo l'acquisto di Jean-Clair Todibo del Tolosa. Il Paris Saint-Germain resta in corsa e sembra pronto a una clamorosa offerta da 150 milioni di euro per lui e Frankie de Jong, sempre tenendo in considerazione le problematiche legate al Fair-Play Finanziario con la Uefa. La Juventus, però, non ha dubbi: è De Ligt l'obiettivo numero uno sul mercato in vista dell'estate, per rinforzare la difesa tra presente e futuro con uno tra i giovani più interessanti sul panorama internazionale. La sfida al PSG è aperta, nella speranza che, tra Ajax e Uefa, possano arrivare un paio di "aiuti" nella complessa trattativa.