"Le sfide mi piacciono, ma sto invecchiando". Sono parole di Gigi Buffon, intervenuto insieme a Ilaria D'Amico alla Fondazione Mirafiore a Serralunga d'Alba, ospite del patron di Eataly Farinetti.  "Se continuerò o meno dipenderà dal sottoscritto — si legge su Corriere.it — ma conteranno le motivazioni, che dovrei andare a ricercare. Per capire quanta voglia posso ancora avere dentro. Perché alla fine i primi 15 anni di carriera li fai sulle ali dell’entusiasmo e della passione, ma poi devi inventarti delle sfide, per dimostrare che sei sempre all’altezza, ma è logorante. Dura, perché stai invecchiando". Il capitano bianconero rinvia sempre alla chiacchierata decisiva con il presidente Agnelli: "Devo capire a che livello di energie sarò, ma ne parlerò con la società".

SPERANZA DAL DOLORE - "Sono tornato da Firenze con la gioia nel cuore - ha dichiarato Buffon riferendosi alla presenza della delegazione bianconera ai funerali di Astori - perché per noi juventini andare là non è mai semplice. Invece i tifosi ci hanno applaudito e ringraziato. Per questo sono fiducioso e felice, con la sensazione che il mondo possa riprendersi".