2
Come racconta Gazzetta, nella memoria si parla anche di «improprio travaso» delle intercettazioni: la Procura Federale non riporta il contenuto di una rilevantissima conversazione tra Cherubini e Bertola, ex dirigente Juve, del 15 luglio 2021, la cui la parte finale, non annotata dalla Guardia di Finanza, sarebbe «significativa in termini di insussistenza dell’illecito (penale e, per quanto qui rilevante, sportivo)». Si tratta di un’intercettazione ambientale post verifica Consob, in cui, parlando di plusvalenze, Bertola dice a Cherubini: «Non c’è nessun intento doloso. Se loro stanno cercando quello non troveranno nulla».