Stefano Pioli commenta a Sky Sport il momento del Milan dopo il derby vinto contro l'Inter: "Siamo soddisfatti, abbiamo battuto una grande squadra, siamo stati bravi a soffrire, una vittoria importante per i nostri fantastici tifosi. Ci hanno scortato fino allo stadio. Il nostro cammino è ancora lungo, ci sono ancora tante cose che possiamo migliorare.

Se mi aspettavo questo Ibrahimovic? Era molto stanco, ha anche chiesto il cambio ma non l'ho ascoltato. Zlatan è un campione in tutto, il suo apporto alla squadra a livello tecnico, caratteriale e di consapevolezza è importantissimo. Complimenti a lui e ai miei ragazzi, vuol dire che abbiamo imparato la lezione e stiamo continuando a crescere.

Squadra forte? Io penso positivo, mi ritengo un ottimista, però secondo me ci sono 3-4 squadre come organico, sulla carta, che hanno investito più di noi. Noi abbiamo investito ma a lungo termine. Poi chiaro che siamo ambiziosi e siamo il Milan, abbiamo qualità importanti, ma credo che sarà un campionato difficile e superare squadre come Juve, Inter, Napoli, Lazio, Atalanta... Di queste quattro a fine campionato saranno contente, speriamo di essere contenti noi.

Qual è la divisione giovani/esperti per puntare allo scudetto? Per puntare a vincere lo scudetto o per lottarci devi alzare il livello di qualità dei calciatori, lo stiamo facendo ma non è un percorso che può durare un anno. Credo che la società sia stata brava a gettare le basi mettendo dentro campioni, esperti accompagnati da giovani di prospettiva che danno già i loro frutti. Per quanto riguarda oggi sottolineerei la prova dei due difensori centrali. Abbiamo accettato spesso il confronto con Lukaku e Lautaro, Kjaer ammonito dopo 21',  Romagnoli di ritorno dopo lungo stop ha fatto un'ottima partita: sono segnali importanti".