Domani sera alle 19:30 si alzerà il sipario sulla stagione della Juventus Primavera. Tanta la curiosità per vedere all’opera la prima creatura di Paolo Montero, di ritorno nel mondo bianconero come tecnico dell’Under 19.
 
L’obiettivo dei bianconeri è quello di replicare gli ottimi risultati della passata stagione: l’accesso alla post season e continuare a sorprendere in Europa, nella Youth League. Per farlo, sono numerosi i calciatori di qualità a disposizione di Montero.
 
In difesa c’è chi cerca la conferma al salto dall’Under 17 alla Primavera. Si tratta di Dean Huijsen, uno dei talenti più cristallini del settore giovanile con all’attivo già un allenamento con la Prima squadra di Allegri. Difensore centrale dotato di grande classe e tecnica e uno spiccato senso del gol. Sulla sinistra occhio a Rouhi, terzino sinistro; si è già fatto notare nella passata stagione con Bonatti: ha corsa e qualità per arrivare sul fondo e mettere il pallone nel mezzo, troverà continuità e nuove opportunità di crescita.
 
Muscoli, qualità, geometrie. La mediana a disposizione di Montero ha potenzialità enormi e tra i nomi spiccano quelli di Giulio Doratiotto e Joseph Nonge Boende: complementari, formano un duo che sa fare filtro, ribaltare l’azione, far girare palla, dare fosforo e potenza.
 
In avanti tutti gli occhi puntati su Yilidz che si è già messo in mostra nel precampionato. Il trequartista classe 2005 è chiamato a confermare quanto di buono fatto intravedere e, magari, puntare al salto in Under 23 nel corso della stagione. Ai suoi lati due frecce come Strijdonck e Mbangula: velocità, tecnica e gol nelle gambe. Si sono già fatti conoscere al pubblico del campionato Primavera, adesso devono alzare il livello e trovare continuità.