Stefano Pioli, allenatore del Milan, lascia una lunga intervista a Il Fatto Quotidiano: “Gazidis? Tutto il Milan fa il tifo per lui. La sua forza è la nostra, siamo orgogliosi di far parte della sua famiglia. Guarirà e non vediamo l’ora di riaverlo con noi”. 

LA STAGIONE - “Siamo il Milan e non ci dobbiamo porre limiti. Sarà difficilissimo perché sette squadre lotteranno per quattro posti. Ma gli ostacoli sono troppo alti solo per chi non ha ambizioni abbastanza forti. Come è sbocciato il mio Milan? Stranamente la scintilla tra di noi è nata nelle riunioni su Zoom durante il primo lockdown. Ci siamo dati il tempo di conoscerci, abbiamo parlato delle nostre vite. Non solo di calcio. Ed è nato il gruppo. Amici? No, amici no. Non siamo amici: siamo appartenenti a un’idea di valori comuni”. 

MILAN - “In piccolo ci siamo rivisti nell’Italia, sì. Sento che c’è empatia, forse addirittura un po’ di magia tra di noi”.

ASTORI - “La morte di Davide… Sono un allenatore che impronta tutta la sua gestione sul confronto e sul dialogo coi giocatori. Quella tragedia mi ha fatto capire che i calciatori sono anzitutto uomini. Sono dovuto entrare nelle loro teste. A uno a uno ho dovuto raccontargli che il medico, alle 9 del mattino, mi aveva detto che Davide non c’era più. Ho passato tutti i mesi successivi ad aiutarli a elaborare quella scomparsa. In certi momenti devi andare in profondità. Conta la tecnica, conta la tattica, ma è ancora più importante la componente mentale”.