Senza cessioni, non si cantano messe. Proverbio rivisitato ma concetto ugualmente giusto: alla Juventus serve vendere, serve incassare, serve sgravarsi di stipendi troppo pesanti per quanto poi dimostrato in campo. E per questo serve anche muoversi, così da consegnare a Pirlo una squadra pronta per il debutto in campionato. Da chi partirà, allora, Fabio Paratici? Sicuramente da Higuain, quindi Khedira, infine un nome 'a sorpresa' (ma neanche tanto) che possa far rifiatare le casse bianconere. Andiamo in ordine. 

HIGUAIN - No, stavolta non accadrà quanto visto nella scorsa estate. Gonzalo andrà via dalla Juventus e bisogna vedere solo se ci sarà un acquirente disposto a pagare quei 18 milioni che chiede la società torinese per evitare una minusvalenza. Il problema è che il Pipita guadagna troppo: 7.5 milioni all'anno sono una cifra fuori portata per tanti, soprattutto per la Fiorentina che sembra la squadra più interessata (MLS e River in seconda battuta). Certo, se i bianconeri contribuissero all'ingaggio...

KHEDIRA - Non si ha ancora certezza di un colloquio tra Pirlo e Khedira. E' probabile però che le parti abbiano parlato e che il tedesco abbia manifestato le sue resistenze. Il faccia a faccia ufficiale avverrà quando il giocatore avrà recuperato dall'ennesimo infortunio e anche per questo la Juve ritiene conclusa l'esperienza di Sami a Torino. Finora, nessun accordo tra le parti. Dalla Continassa giurano che presto arriverà: ma non si sa come. 

GLI ALTRI NOMI - Perin più vicino al Genoa che all'Atalanta, e anche questo sarebbe un ritorno decisamente romantico. Dipenderà tutto da Gollini e dalla voglia della Dea di affondare il colpo. Occhio a Rugani e De Sciglio, sempre in orbita Valencia e chiacchierati anche con la Roma. Dall'Inghilterra, il Manchester United aspetta Sancho e prepara il piano B: è Douglas Costa.