Il momento delle scelte. Ecco cosa serve adesso alla Juve: decidere di andare in una direzione ben precisa, specialmente nella fase difensiva. Come racconta La Gazzetta dello Sport, sul contratto di Allegri non c'è una clausola sul tempo: la stagione non si ferma, tocca pensare al campionato. E al progetto in generale, che posa su basi ben conosciute dal tecnico: Bonucci, Chiellini e De Ligt. 

PENSARE AL MODULO - Il resto è un gioco di numeri: si può optare per un 4-3-3, un 4-2-3-1. O magari, con il ritorno di Chiesa, può tornare in auge il 4-4-2 che è sempre valida alternativa. Le scelte saranno inevitabilmente legate alla condizione fisica e psicologica. Alex Sandro ha riscoperto il piacere dell'affondo e Rabiot ha il problema della continuità. Ieri è stato in campo per novanta minuti, a Napoli si fermava sul più bello. I numeri ci sono. I giocatori anche. Ora? Continuità.