Ve lo stiamo raccontando da giorni, il mercato della Juve gira intorno a Cristiano Ronaldo. L'attacco soprattutto. Perché se Cristiano sarà presente o meno nella rosa dell'anno prossimo fa tutta la differenza del mondo. Almeno un altro attaccante, però, serve a prescindere: fino a fine stagione Pirlo adatterà Kulusevski lì davanti ma non può essere una soluzione permanente. Ecco perché la società sta iniziando a vagliare qualche nome per l'estete.   

CON RONALDO - In caso di permanenza di Ronaldo fino alla fine del contratto (2022), i bianconeri andranno a caccia di un giocatore che possa affiancare il portoghese: il primo profilo sulla lista di Paratici è quello di Arek Milik, con quale tempo fa c'era un principio d'accordo ma l'affare non è mai decollato. L'attaccante polacco però, come riporta La Gazzetta dello Sport, non è mai uscito dai radar dei bianconeri, nel frattempo è passato dal Napoli al Marsiglia che dopo aver investito 12 milioni di euro potrebbe farlo partire dopo soli sei mesi. 

RAPPORTI E CLAUSOLA - Il presidente dell'OM è quel Pablo Longoria che dal 2015 al 2018 è stato responsabile scouting della Juve, i rapporti quindi sono ottimi e in più sul contratto del giocatore c'è una clausola di più o meno 12 milioni con la quale potrebbe tornare in Italia. L'ingaggio? E' di circa 3,5 milioni di euro, sarebbe in linea con il tetto fissato dalla dirigenza della Juve. Per tutti questi motivi, l'affare in estate potrebbe decollare davvero, ma solo se Cristiano dovesse rimanere a Torino.

SENZA RONALDO - In caso contrario, la Juve andrà sul mercato per cercare nomi 'più forti', almeno un paio: da Icardi, già corteggiato in passato prima che si trasferisse al Psg dove oggi è chiuso dall'ex bianconero Kean, ad Aguero, in scadenza di contratto con il Manchester City; passando per Memphis Depay del Lione, seguito da oltre un anno dagli osservatori della Juve e anche lui con il contratto in scadenza a giugno.