Juve-Inter, è sempre Juve-Inter. Il duello è certamente quello in vetta alla classifica, con i nerazzurri chiamati a battere il Genoa per chiudere il 2019 con gli stessi punti della Juve. Ma la sfida si allarga ben oltre il campo, passando dal mercato e arrivando a tutte quelle polemiche che accompagneranno ogni singolo episodio per i prossimi anni. Anzi, le ultime ore sono catalizzate proprio dalle allusioni e le lamentele preventive del popolo nerazzurro: la designazione di Luca Pairetto per Inter-Genoa non lascia affatto sereni i tifosi interisti, il motivo è da ricercare in famiglia, essendo fratello del dirigente juventino Alberto e figlio dell'ex designatore Pierluigi. Tanto per avvelenare ulteriormente il clima, che poi in fondo sarà facile dare la colpa a qualcuno nonostante le varie frecciate sull'asse Torino-Milano siano state lanciate in maniera chiara dai vari protagonisti, dalla questione della stella di Antonio Conte in poi. È sfida totale allora. E da gennaio il campo di battaglia tornerà ad essere anche quello del mercato.

NON SOLO KULU – Federico Chiesa e Dejan Kulusevski, ma anche Sandro Tonali. Se l'estate scorsa è stato il triangolo diverso Lukaku-Dybala-Icardi a tenere banco, ecco che ora sono altri gli obiettivi comuni a coinvolgere le strategie di Juve e Inter. Da oltre un anno c'è Chiesa nel mirino dei due club, fuori portata per l'Inter la scorsa estate, da subito Beppe Marotta ha fatto capire che i nerazzurri si sarebbe iscritti alla corsa per il talento della Fiorentina in vista della prossima stagione: la difesa di Rocco Commisso è diventata una spinta preziosa per i nerazzurri, la Juve non molla la presa e ha già l'accordo col giocatore dalla sua. Juve in pole position anche per Tonali, sul quale l'Inter lavora sottotraccia e spinge con forza l'Atletico Madrid: Paratici è pronto a spingere il piede sull'acceleratore già per gennaio nel caso in cui dovesse riuscire a sbloccare il mercato in uscita (pur essendoci anche Ivan Rakitic e Leandro Paredes tra le ipotesi concrete per il post Emre Can). L'uomo del momento resta in ogni caso Kulusevski: l'Inter ha fatto la propria mossa alzando l'offerta a 35 milioni, la Juve aspetta il momento e continua a osservarlo, i rapporti con l'Atalanta sono ottimi e la possibilità di non avere la fretta dei nerazzurri potrebbe giocare a proprio vantaggio. Juve-Inter in campo tornerà solo a 2020 inoltrato, ma Juve-Inter non finisce mai.