Donnarumma; Calabria, Mancini (78’ Scamacca), Bastoni, Spinazzola (65’ Dimarco); Frattesi (45’ Caprari), Cristante, Barella; Politano (43’ Luiz Felipe), Gnonto, Raspadori (45’ Caprari). E' l'Italia che ha perso per 5-2 con la Germania al Borussia Park di Moenchengladbach. Una delle cose che saltano all'occhio è che questa storica sconfitta della Nazionale non vede tra i suoi protagonisti i giocatori della Juventus: fra titolari e cambi, infatti, non c'è alcun giocatore bianconero. E' la fotografia di una stagione e, se vogliamo, di un'epoca, che certifica sia la crisi degli azzurri che della Juve, reduce da due stagioni senza scudetto. Nel passato, anche recentissimo, l'equivalenza "blocco Juve forte uguale Nazionale forte e vincente" è stata invece dimostrata più volte... 

Se guardiamo ai quattro Mondiali e ai due Europei vinti dall'Italia, c'è sempre stata una presenza juventina, in alcuni casi massiccia e determinante (Mondiali 1934, 1982 e 2006), in altri meno massiccia ma comunque fondamentale per la vittoria della Nazionale (Europei 2020). Guardando ai successi euro-mondiali degli azzurri, solo nel 1938 e nel 1968 la componente bianconera non è stata determinante. In tutte le altre occasioni lo è stata eccome.

SCORRI PER VEDERE: QUANDO C'E' LA JUVE, L'ITALIA VINCE, TUTTI I PROTAGONISTI