Il caso Dybala cattura attenzione e emozioni, perché è centrale nelle vicende della Juve. Di oggi e del futuro. E allora ci siamo posti tre domande su questa storia, a metà tra campo e mercato. Una storia che sta diventando brutta, con il rischio di lasciare strascichi dolorosi. Una storia che molti fanno passare per normale, invece non lo è.

Qualcuno si è accorto che Dybala è il miglior giocatore della Juve?
In questa stagione, nella quale è stato di nuovo condizionato dagli infortuni, Dybala ha segnato finora 10 gol. Non un numero straordinario, ma nettamente il record per la squadra bianconera. Il secondo miglior marcatore, Morata, è a quota 7 pur avendo giocato molto di più. Al terzo posto, un piccolo gruppo, però staccatissimo: Cuadrado, Chiesa, Kean e McKennie sono a 4. Dybala è il migliore in campionato (7) e in Champions (3). E la sensazione è curiosa: offuscati dalle parole sempre grevi di Arrivabene, nessuno si è reso conto dei numeri di Paulo.

Quanto costerebbe alla Juve un altro Dybala?
Molto si discute sull’entità dell’ingaggio che Dybala dovrebbe avere dalla Juve in base all’accordo trovato nell’autunno scorso. Otto milioni netti, più due di bonus, se considerati al lordo e moltiplicati per cinque anni fanno un esborso complessivo vicino ai cento milioni. Tanti, sì. Già, ma quanto costerebbe alla Juve un nuovo Dybala, cioè un campione di primissima fascia, in un ruolo così importante? Innanzitutto dovrebbe essere acquistato, e quindi pagato a caro prezzo, perché di calciatori vicini a Paulo per qualità e prossimi allo svincolo non se ne vedono (certo, c’è Mbappé, ma di milioni ne vuole 30 a stagione e comunque non pensa proprio alla Juve o all’Italia). Una volta comprato, il nuovo Dybala andrebbe ovviamente anche pagato, e dubitiamo che si accontenterebbe di molto meno rispetto a lui di ingaggio.

Che colpa ha Dybala se la Juve è venuta meno a un accordo già preso per il nuovo contratto?
E’ un altro aspetto che, a nostro avviso, viene trascurato in questa vicenda. La Juve ha raggiunto un accordo con Dybala per il rinnovo del contratto, poi ci ha ripensato (la società, non il giocatore) e ora tratta l’argentino come se avesse una qualche responsabilità. Ma di cosa è colpevole? Di avere concordato il suo nuovo stipendio con il club? In realtà, se in questa vicenda c’è qualcuno che è venuto meno alla parola data, si tratta della Juve. La quale - via Arrivabene - dà invece segnali di delusione, di rabbia, quasi di risentimento nei confronti del calciatore. Strano, no?

@steagresti