Il paradosso è che la Juve, la squadra migliore del nostro campionato (lo dice lo scudetto che ha e avrà sul petto), è da rifare per metà. Un segnale di quanto sia stata contraddittoria per i bianconeri questa stagione, oltre che della differenza esistente rispetto alla concorrenza: se una squadra così imperfetta ha conquistato il titolo senza dare quasi mai la sensazione di poterlo perdere (tranne che nel periodo pre-Covid, con la Lazio che le è piombata addosso), significa che la concorrenza è davvero poca cosa. Ma come e perché la Juve è in gran parte da ricostruire? Vediamolo.

TERZINI - E’ una lacuna che esiste dall’inizio della stagione e che abbiamo sottolineato già l’estate scorsa. Non è ammissibile che una squadra come la Juve cominci il campionato con due difensori laterali destri di livello non eccelso (De Sciglio e Danilo) e addirittura con uno soltanto a sinistra (Alex Sandro). E’ andata benissimo su una fascia grazie al rendimento elevato dell’ex ala Cuadrado, ma sul lato mancino c’è una voragine da colmare assolutamente. Altrimenti ogni volta che Alex Sandro ha un raffreddore si deve adattare in quel ruolo un destro oppure un centrocampista (quest’anno è stato Matuidi).

CENTROCAMPO - Colpisce che, nel percorso di crescita generale della Juve (di fatturato, di organico: di tutto, insomma), questo reparto si sia impoverito. C’erano una volta Pogba, Pirlo e Vidal; adesso ci sono giocatori nemmeno paragonabili a questi, nonostante i progressi di Bentancur e i segnali positivi dati da Rabiot. Per di più se ne andrà il migliore, Pjanic, il quale arriva sì da una stagione deludente ma, quanto a qualità, non ha eguali nell’organico bianconero. Non è sufficiente Arthur, più riserva che titolare nel Barcellona, per garantire un miglioramento.

CENTRAVANTI - E’ un altro nodo spinosissimo, perché Higuain dovrà essere ceduto - ha il contratto che gli scade nel 2021. La Juve ha bisogno di un uomo d’area che sostenga, tatticamente oltre che tecnicamente, la coppia delle meraviglie Ronaldo-Dybala. Milik non convince tutti, eppure potrebbe essere la mossa giusta. Ma comunque là davanti c’è bisogno di un intervento sul mercato. Uno dei tanti.

@steagresti