Emanuele Giaccherini, ex centrocampista della Juventus, ha parlato ai microfoni di Quotidiano.net della lotta scudetto in corso in Serie A:

Emanuele, due anni dopo quell’amichevole, segnava al Milan il suo primo gol in A.

"Il gol che mi ha cambiato la vita, contro il Milan di Ibrahimovic: la svolta della mia carriera".

Un anno dopo, infatti, lo acquista la Juventus di Antonio Conte.

"A lui devo tutto. E’ un tecnico che in guerra si mette in prima fila, ti dà grande fiducia, ti tira fuori il massimo e anche di più. Guardate come stanno rendendo i vari Sensi, Barella e Candreva all’Inter...".

Insieme avete vinto due scudetti alla Juve: che effetto le fa vedere Conte in nerazzurro?

"Non mi fa strano, è un professionista vero: sono contento per lui, è tra i migliori al mondo. E poi anche quando sono andato alla Juve tutti sapevano che ero tifoso interista: ora che sono fuori dalla A, un po’ di simpatia per l’Inter mi è tornata, soprattutto perché c’è il tecnico che mi ha esaltato".

Un episodio per capire chi è Conte?

"Quarti di Champions, ritorno col Bayern, dopo aver perso 2-0 là: entriamo negli spogliatoi e sulla lavagna troviamo scritto ‘If you want, you can’. Se vuoi, puoi: questa è la sua filosofia".

Ma è vero che quando la Juve la cedette al Sunderland, Conte andò su tutte le furie?

"Sì, non voleva, si mise di traverso, mi telefonava spesso. Ma la società faceva una plusvalenza e io avevo la chance di andare in Premier: alla fine si rassegnò".

Neanche Sarri a Napoli voleva cederla, però non la faceva giocare mai...

"Ero un incedibile pur stando sempre fuori. A livello umano lui parlava pochissimo con quelli che giocavano meno e io, per come sono fatto, non andavo a chiedere spiegazioni: pensavo a lavorare. Ma non ho nessun rancore verso lui".

Adesso che è alla Juve, Sarri sembra più aperto al turnover.

"Farlo con una squadra così è più facile: ci sono tanti fuoriclasse, togli Dybala e metti Higuain".

Dica la verità, vedendo la sfida di San Siro, ha pensato per un attimo ‘potevo esserci anch’io’?

"Sì, è normale, il pensiero mi è venuto: la A è il mio habitat e mi sento ancora un giocatore di questa categoria".

Al ritorno dalla sosta, la A prevede Juve-Bologna, una gara speciale per lei.

"A Bologna ho lasciato il cuore, non sarei mai andato al Napoli: avevo già l’accordo per restare, purtroppo Corvino se ne andò e il club cambiò idea. Ora i rossoblù hanno un grande tecnico, Mihajlovic che sta affrontando una battaglia enorme, ma sono sicuro che la vincerà. Stavo per andare al Toro quando c’era lui: parlammo al telefono e capii che era un uomo vero".

Dopo San Siro la corsa scudetto è già chiusa?

"No, il campionato è apertissimo, c’è anche il Napoli. E poi Conte, sono sicuro, non mollerà un centimetro".