"In questi giorni se non lo avessi visto in condizione non lo avrei fatto giocare. Con lui ho questo rapporto, ci diciamo le cose in faccia. C’è grande onestà. Quando un giocatore fa delle scelte, poi è anche difficile poterlo convincere. Uno ci prova. In questo momento è un giocatore del Milan, ce lo teniamo ben stretto. Non so cosa succederà. Ci diremo le cose in faccia e da lui voglio lo stesso atteggiamento, per ora non è mancato". Così, Rino Gattuso, allenatore del Milan, ieri sera ha commentato le voci di mercato che riguardano Gonzalo Higuain e il suo possibile addio al Milan, per sposare la causa del Chelsea. Parole a cui hanno fatto eco quelle in conferenza: "Mi è capitato di dare consigli a giocatori quando avevo più esperienza. Ho parlato tantissimo con lui, però tante volte è difficile dare consigli, perché la carriera di un calciatore dura 13-14 anni. La testa è del giocatore, non è la mia. La cosa più importante è, quando parli con uomini, è guardarsi negli occhi e dirsi la verità. Non ho capito bene quali sono i malumori di Higuain, perché vedo un ragazzo contento, coinvolto nello spogliatoio. Vediamo cosa succederà, magari con un gol facendoci alzare un trofeo. Se dipendesse da me lo terrei a casa mia e gli darei da mangiare tenendolo da me".

Parole di stima e affetto nei confronti del Pipita, che però fanno presagire un addio non certo, ma possibile. Ora più che mai. Higuain è infelice e le parole pronunciate da Leonardo hanno scavato un solco nel suo rapporto con il mondo rossonero, quel solco che Sarri vorrebbe colmare ritrovandolo al Chelsea. Le possibilità ci sono, anche se gli inglesi, il Milan e la Juve si troveranno di fronte a fitti colloqui prima di prendere una decisione. I rossoneri si tutelano e tengono vive le piste Piatek e Morata, mentre la Juve aspetta di essere informata: non direbbe no al Chelsea, ma vuole garanzie, una su tutte il riscatto da 36 milioni di euro nel prossimo mese di luglio. Dopo la finale di Gedda contro la Juventus ci sarà un faccia a faccia tra Leonardo e Gonzalo Higuain, definitivo.