Beppe Marotta verrà presto ufficializzato a nuovo amministratore delegato dell'Inter, dopo aver detto addio alla Juventus ormai un paio di mesi fa. Questa sera le due squadre si affrontano all'Allianz Stadium, per un'importante sfida in ottica scudetto, ma l'interesse di entrambe si sposta di conseguenza anche sul mercato e al prossimo confronto tra Marotta e il suo "allievo", Fabio Paratici, direttore dell'area sportiva bianconera. Confronto leale e senza scorrettezze, come riportato da Calciomercato.com. Marotta, infatti, ha promesso alla Juventus che non intaccherà l'organico attuale dei bianconeri, creando problemi diretti al club con cui ha gioito e vinto a ripetizione. Da escludere, dunque, eventuali voci riguardanti Paulo Dybala o altri gioielli di casa bianconera.

GLI OBIETTIVI IN COMUNE - Ciò non toglie, ovviamente, che l'obiettivo di Marotta sia quello di portare l'Inter al più presto sui livelli della Juventus. Per farlo è necessario sfidare proprio i bianconeri su diversi fronti di mercato. I primi nomi "in comune" balzati gli onori della cronaca sono quelli di Sergej Milinkovic-Savic, gioiello di centrocampo della Lazio, e di Federico Chiesa, talentuoso esterno offensivo della Fiorentina. Entrambi nomi su cui la dirigenza della Juventus lavora da tempo e su cui ad oggi Paratici ha posto grande attenzione. Marotta, che già in bianconero li aveva nel mirino, potrebbe strapparli alla Vecchia Signora per rinforzare i nerazzurri. In uno scontro leale, ma senza esclusione di colpi.

Addirittura una formazione di obiettivi in comune tra Juventus e Inter: il 3-5-2 di mercato, raccontato nei giorni scorsi da Tuttosport, nella nostra gallery dedicata.