Ci siamo, squadre ai nastri di partenza: tra poco partirà la corsa a Sandro Tonali, regista rivelazione della stagione, protagonista positivo nonostante la brutta annata del Brescia. Alessandro Matri, ex attaccante della Juve, nei ultimi mesi in forza proprio nel club di Cellino, ha così elogiato il classe 2000 a Tuttosport: “È un ragazzo per bene, serio. E poi ha un gran talento. Direi al direttore Paratici che Sandro è da prendere immediatamente. Con Tonali non si sbaglia. Innanzitutto è un 2000 e non sembra così giovane quando gioca. È un freddo, in campo. Non pensiate sia semplice giocare con gli occhi puntati addosso ogni partita. Se mi chiedesse un parere sulla Juventus? A Sandro direi così: ‘Vai subito, non ci pensare nemmeno’. Per come ho vissuto la Juventus io, posso solo consigliarla come esperienza”.

C'E' L'INTER - Un’investitura, diretta, da un ex bianconero. C’è la Juve infatti su Tonali, il CFO Paratici lo segue da tanto tempo, e lo stima molto. Non sarà semplice, però, battere la concorrenza dell’Inter. Marotta non vuole farsi sfuggire il regista, precisa richiesta di Antonio Conte. Dopo Kulusevski, i nerazzurri saranno molto decisi nel cercare di strappare il giocatore al Brescia, e di conseguenza alle pretendenti, capeggiate dalla Juve.

IL PIANO - Cellino valuta Tonali non meno di 50 milioni di euro, ma ha aperto all’inserimento di contropartite tecniche per abbassare la cifra da corrispondere. Paratici si farà trovare pronto, non ha abbandonato la pista Tonali, seppur consideri come priorità per il centrocampo Pogba. La Juve valuta così la possibilità di prendere il giocatore, per poi cederlo in prestito per una stagione, e farlo ulteriormente crescere. Tonali è il futuro, Paratici lo sa ed è pronto a sfidare il vecchio amico Marotta e le big europee che già osservano, PSG in testa.