Il grande colpo dell'estate, bianconera e non solo. Era tra i giocatori più contesi sul mercato, dopo l'ottima stagione all'Ajax, poi ha scelto la Juve, che con forza l'ha voluto e portato a Torino. Un super ingaggio, tantissimi milioni per il suo cartellino, ma Matthijs de Ligt vale quelle cifre.

Ieri, nella tappa di Shanghai (dove ieri la Juventus ha presentato ufficialmente la seconda maglia), De Ligt si è concesso a una intervista. Ecco le sue parole, riportate da Tuttosport: "Mi trovo bene con i compagni, sono davvero simpatici, imparo ogni giorno da loro. Ci sono molti giocatori di esperienza, quindi sono davvero felice. Sono sorpreso dal livello di tutti: sono tutti concentrati, nessuno svetta perché molti singoli sono forti. Ovviamente è difficile essere titolare con giocatori così forti, ma io farò il meglio". 

RONALDO - "Cristiano non è stato il principale fattore per fare sì che io scegliessi la Juve: sono molti i fattori che mi hanno indotto a decidere di accettare la chiamata bianconera. Poi, è chiaro che è bello quando qualcuno così grande come Cristiano dice qualcosa proprio a te, ma davvero; non è stato il fattore chiave". 

CAPITANO ALLA SCIREA - "Onestamente sono appena arrivato qui alla Juventus, non penso alle leggende della Juve e ai suoi mostri sacri. Ovviamente so che ci sono grandi aspettative nei miei confronti, ma non ci penso, cerco di vivere il momento e di lavorare per migliorare ogni giorno. E vediamo che succede...". 

CONCORRENZA - "Non so onestamente, non ci penso. Abbiamo molti buoni giocatori dietro, dobbiamo tutti lottare, poi ne giocano due. Non so se sia il miglior gruppo del mondo".