Danilo si presenta alla Juve. Il terzino brasiliano parlerà oggi in conferenza stampa dall'Allianz Stadium: "Sono felice di essere qui, per me l'accoglienza è stata molto calorosa, sono felice. Alex Sandro? Durante la trattativa ho parlato con lui. Mi ha dato informazioni precise sul club, la filosofia e come si lavora. Per me è una persona importante, siamo amici, è stato un processo importante".

SARRI - "Ha uno stile di gioco che mi piace, non avrò difficoltà ad adattarmi a quello che mi chiede. So che la fase difensiva in Italia è molto importante. Ho 28 anni e sono aperto e pronto a imparare tutto quello che servirà".

CRISTIANO RONALDO - "Ho parlato anche con lui, abbiamo scherzato un po'. Gli ho detto che volevo il 7...ma era già occupato (ride ndr)! Mi ha accolto con il sorriso e mi ha detto che sono arrivato in un club magnifico. Giocare con giocatori del suo livello è una motivazione per fare sempre meglio".

CITY - "Al Porto ho vissuto 4 anni magici, dove sono cresicuto come uomo e come calciatore. Poi sono stato al Real Madrid e al City. Credo che ogni momento è importante per costruirti come atleta, ho giocato al Real e al City. Anche se non ho giocato come volessi è stato importante a livello formativo, questi ultimi quattro anni sono stati fondamentali per acquisire mentalità vincente. Spero che il recente passato possa aiutarmi per il futuro alla Juve" 

BRASILE - "Credo che la componente brasiliana può essere molto importante, con me Alex, Douglas. Se la tradizione di questo club non è molto brasiliana magari dobbiamo pensare di cambiarla, con rispetto della tradizione (sorride ndr). Dani Alves? Senza dubbio è un'ispirazione per me, tutti devono ispirarsi a lui per la sia carriera e per il modo con cui affronta le sfide. Ci ho giocato contro in finale di Champions e ho visto che aveva grande influenza nel gioco della Juve".

NUMERO - "Non ce n'erano molti disponibili. Il 13 ha una piccola storia che riguarda anche i miei amici, credo molto alla numerologia e la carta 13 parla della morte ma rappresenta il contrario, il significato è rinnovamento e apertura a cose nuove"​.

SARRI - "Ci ho parlato durante le sessioni di allenamento, i primi giorni sono belli perché è tutto nuovo. Non mi ha chiesto niente di speciale rispetto agli altri terzini. Devo essere attento in fase difensiva, bisogna giocare liberi per esprimere il proprio meglio".

RONALDO - "E' molto felice e motivato e questo è un ottimo punto di partenza per raggiungere obiettivi. E' felice. Mi ha parlato del club come di una famiglia e questo mi ha attirato molto perché mi identifico in questo stile".

BRASILE - "Non ho giocato la Coppa America perché negli ultimi mesi della passata stagione ho giocato poco. Ho saltato la Copa America perché ho giocato molto poco negli scorsi mesi, credo che Tite abbia preso la decisione giusta. Io punto a giocare il più possibile e il meglio possibile, questo spero possa farmi rientrare nel progetto per il prossimo Mondiale. Ma penso a breve termine, ora mi concentro sul club".

ITALIA - "C'è questa caratteristica di giocare un calcio molto tattico, i difensori devono essere al 100% in oni partita. L'allenatore può aiutarmi a migliorare da questo punto di vista":

CHAMPIONS - "So che la Champions è un obiettivo di tanti grandi club, è un obiettivo speciale. L'obiettivo è giocare ogni competizione con la stessa serietà e lo stesso impegno. Non ho mai visto un vincente che affronta le partite in maniera diversa l'una dall'altra".

TORINO - "Non ho ancor avuto modo di conoscerla bene, ho fatto giusto una passeggiata domenica, per il resto son dovuto stare a Londra per questioni burocratiche. Ma per quel che ho visto il clima mi piace, fa caldo. Credo che ci adatteremo facilmente con la mia famiglia"

SARRI/GUARDIOLA - "Mi hanno già chiesto in passato di paragonare gli allenatore, non mi piace farlo. Ogni tecnico ha il suo stile e la sua personalità. Posso dire che la mentalità di Sarri si avvicina molto alla mia. Per essere un grande allenatore bisogna saper gestire il gruppo anche fuori dal campo, per come ho visto mi sembra che abbia davvero un bel modo di atteggiarsi con i miei compagni di squadra".