Fino alla sosta c'erano solo due giocatori sempre presenti in tutte le 9 partite giocate dalla Juventus in questo inizio stagione (6 di campionato e 3 di Champions League): Leonardo Bonucci e Danilo. Con l'infortunio di Bonucci, stasera Danilo diventerà l'unico sempre presente fino adesso. E vi diremo di più: anche senza il forfait del numero 19 bianconero, il terzino brasiliano aveva comunque più minuti giocati. Se infatti contro Spezia e Verona Bonucci ha lasciato il campo prima del 90', Danilo è l'unico ad aver disputato per intero tutte le partite. Insomma, è stato letteralmente sempre in campo, Champions compresa, dal calcio d'inizio della prima giornata di campionato fino al fischio finale del match con la Lazio.

DUTTILITÀ - Danilo è stato uno dei calciatori-simbolo della gestione di Pirlo: si è reinventato nel ruolo di difensore nella linea a 3 nei moduli fluidi del Maestro e ha ritrovato stabilmente la nazionale, ricacciando in un cassetto i commenti di molti tifosi juventini che continuano a fare raffronti nostalgici con Joao Cancelo. E si sta disimpegnando sul lato sinistro del campo, lui che è un destro naturale. Anche stasera contro il Cagliari, Danilo sarà pronto a dare copertura e offrire sovrapposizioni al "compagno di catena", Frabotta o McKennie che sia. Perché a volte per far rinascere un giocatore basta l'allenatore giusto. E lui a rimanere "a minutaggio pieno" ci sta prendendo gusto.

Seguite anche le considerazioni sul mondo Juve di Gianni Balzarini