Dalla Roma alla Roma, come un cerchio che si chiude. Dall'altra parte, dalla Juve alla Juve. Un girone dopo Merih Demiral e Nicolò Zaniolo tornano in campo dal primo minuto, e si ritrovano di fronte, uno contro l'altro. Proprio come quel 12 gennaio, quando a distanza di 15' sono usciti tutti e due in barella. Mani nei capelli e dolore terrificante, la diagnosi è la stessa: rottura del legamento crociato. Da quel giorno per Demiral e Zaniolo inizia un percorso parallelo, lontani ma vicini: stesse sensazioni, pensieri, paure. La rabbia - prima della pandemia - per non poter tornare in campo fino al prossimo anno e dover saltare gli Europei.

IL RITORNO - Lo slittamento del campionato ha dato la possibilità ai due giocatori di recuperare con più calma e tornare in campo prima della fine della stagione. Lo faranno stasera, ripensando a quella maledetta notte e a tutta la sofferenza in questi mesi. Un conto aperto con il destino, e pensare che quella sera all'Olimpico Demiral aveva anche segnato il gol del momentaneo 1-0 per i bianconeri prima del raddoppio di Ronaldo e il rigore di Perotti. Vittoria amara per Merih, che come i guerrieri veri non ha mai mollato, pensando solo al momento in cui sarebbe tornato in campo.

OSSERVATO SPECIALE - Oggi è il grande giorno, da una parte lui e dall'altra quel Nicolò Zaniolo che tanto piace alla Juventus. Perché saranno tanti gli intrecci di mercato che possono nascere sull'asse Torino-Roma nel prossimo mercato (QUI tutti i nomi). Gli occhi di Fabio Paratici stasera saranno puntati proprio su Zaniolo, un pallino del CFO bianconero che già un anno fa aveva provato a portare alla Juve. La Roma aveva alzato il muro rispondendo con il rinnovo del classe '99, ma oggi lo scenario è diverso: dalle parti di Trigoria hanno bisogno di fare cassa per sistemare il bilancio, Nicolò è uno dei giocatori della rosa con l'inaggio più basso e a fine stagione incontrerà la società per discutere il suo futuro: vuole garanzie economiche e - soprattutto - tecniche. La Roma non vorrebbe sacrificare lui per mettere a posto i conti e il giocatore in giallorosso sta bene, e la Juve? I bianconeri sono alla finestra, pronti a intervenire in caso di mancato accordo tra le parti. Intanto stasera lo studierà ancora una volta da vicino, nella partita del ritorno di Demiral. Perché i guerrieri non mollano mai.