Andrea Pirlo sorride amaro quando gli chiedono chi schiererà basso a destra per la gara contro il Verona in programma sabato prossimo. Cuadrado è infortunato, Danilo squalificato: era l'unico diffidato in campo nella gara col Crotone, l'unico che non doveva prendere il giallo. Pestone a Di Carmine e tac, ammonizione sventolata dall'arbitro e mani nei capelli per l'allenatore. Chi giocherà in quel ruolo? Tanti dubbi, una certezza: Pirlo ha escluso l'ipotesi di una difesa a tre. Quindi, qualcuno ci sarà.

BALLOTTAGGIO - Difficile capire chi, al momento i candidati principali sono Bernardeschi e Frabotta. Il primo è alla ricerca continua di una svolta che sembra non arrivare mai, da quando è arrivato in bianconero ha giocato in - quasi - tutti i ruoli possibili e già il giorno dell'Epifania contro il Milan Pirlo l'aveva schierato per un quarto d'ora da terzino, anche se in quell'occasione aveva giocato a sinistra. L'alternativa sarebbe Gianluca Frabotta uno che l'esterno basso lo fa di ruolo e verrebbe solo dirottato sulla fascia opposta alla sua per lasciare spazio ad Alex Sandro sulla corsia mancina. 

L'ALTRA IPOTESI - Una terza ipotesi, ma al momento è la meno probabile, è quella di vedere dal primo minuto Alessandro Di Pardo, fresco di debutto in Serie A nella gara col Crotone. Il suo ruolo naturale è centrocampista destro, in caso di emergenza si può anche abbassare sulla linea dei difensori e in questa stagione l'ha già fatto due volte nell'Under 23 contro la Giana Erminio (con tanto di assist) e con il Livorno. Difficile però vederlo in una posizione diversa dalla sua in quella che sarebbe seconda gara in Serie A, la prima 'vera' dopo la manciata di minuti contro i rossoblù. Da escludere l'ipotesi Demiral, che giocherà ancora al centro con De Ligt perché Bonucci e Chiellini dovrebbero rimanere fuori. Pirlo deve sciogliere il rebus lì a destra, la Juve vince 3-0 ma l'allenatore sorride amaro pensando alla gara col Verona.