Come sarà la Juventus di Massimiliano Allegri? Una domanda che ci accompagnerà per tutta l'estate. Ancora non è nemmeno cominciato ufficialmente il mercato, ma alcune idee di massima possiamo trarle sulla base della conoscenza dell'allenatore e delle ipotesi più concrete in uscita e in entrata. Il Corriere dello Sport oggi in edicola presenta una Juve allegriana estremamente mutevole, a seconda di chi partirà e chi resterà. La costante è la difesa a 4: davanti al portiere (Szczesny o Donnarumma che sia) una linea che vede, da destra a sinistra, Cuadrado, De Ligt, Chiellini e Alex Sandro. E poi c'è una certezza: un centrocampista per rinforzare la cabina di regia arriverà, sia esso Pjanic o Locatelli (o tutti e due?) che verrebbe supportato in mediana da chi, tra gli attuali centrocampisti bianconeri, non sarà ceduto.

Dalla cintola in su, ecco gli scenari alternativi (bisogna considerare anche che uno tra Ronaldo e Dybala sembra destinato a partire):

CON CR7 - Se il fuoriclasse portoghese rimane, il suo posto è quello all'ala sinistra. E dato che la partenza di Dybala lascerebbe un solo attaccante di ruolo, ossia Morata, ecco che la soluzione in quel caso è il 4-3-3, con Kulusevski, Chiesa e Ronaldo a dividersi i due slot sulle fasce offensive.

SENZA CR7 - In questo caso rimane Dybala, e Allegri potrebbe giocarsela con diverse alternative, rendendo la sua Juve particolarmente duttile: un 4-3-1-2 con Kulusevski adattato trequartista dietro a Dybala e Morata, o un 4-2-3-1 con Dybala dietro a Morata, affiancato ovviamente da Kulusevski e Chiesa sulle ali.